wpe8D.jpg (6549 byte)

Pasta al sale: la ricetta classica

Gli ingredienti:

 

1 tazza di farina
1 tazza di sale fino (polverizzato)
1 tazzina di acqua
1 cucchiaino di olio di semi o di vasellina (facoltativo)
1 cucchiaino di colla da tappezziere in polvere o colla vinilica (facoltativo) 
flating spray

Gli attrezzi:

cucchiaio di legno

stuzzicadenti "normali" e da spiedino

spatola e/o coltello

matterello

spremiaglio

rotella dentata

retina (tipo quella che contiene l'aglio)

forme di polistirolo

cannuccia

chiodi di garofano, piccioli di mele/pere ecc., foglie fresche

tempere e/o acquerelli e/o coloranti naturali

pizzi di plastica (sottotorte)

Come fare:

In un vecchio frullatore (o macina caffè) polverizzate il sale: più sarà polverizzato, più la pasta sarà liscia; fate molta attenzione: il sale tende a rovinare le lame del frullatore (almeno lavatele subito!).

In una terrina mettete la farina e il sale: con un cucchiaio di legno cominciate a mescolare aggiungendo piano piano l'acqua fino ad ottenere un impasto morbido. Se volete potete aggiungere un cucchiaino di olio di semi o di vasellina (per rendere l'impasto più morbido) e/o di colla (per renderlo più resistente).
Sulla spianatoia impastate per qualche minuto fino a che la pasta è omogenea e liscia, senza grumi: non deve essere né troppo molle (in questo caso aggiungere un po' di farina) né troppo dura (aggiungete un po' di acqua).

Durante l'utilizzo avvolgete la pasta nella pellicola trasparente; per conservarla qualche giorno, mettetela (sempre avvolta nella pellicola) in frigorifero.

La pasta può essere colorata prima dell'uso con le normali tempere (vedi come nella ricetta della pasta di mais) oppure, dopo la prima essicazione, con gli acquerelli.
Una volta modellata va fatta asciugare: di solito si mette nel forno ventilato a bassa temperatura (in media a 50°) per diverse ore, oppure, d'inverno, potete metterla vicino al calorifero. Se usate la pasta bianca, dovete colorare l'oggetto con gli acquerelli e poi fare un'altra asciugatura.
Per conservare gli oggetti fatti è bene finirli con il flating (spray è più comodo) o qualsiasi altro prodotto protettivo: servirà a dare un effetto lucido (se usate il flating lucido) ma soprattutto a proteggere gli oggetti dall'umidità. E' "vietato" metterli nel celophant, se non volete ritrovarli ammuffiti!!! Attenzione poi agli oggetti che andranno appesi. Se non sono conservati bene o vengono tenuti in ambiente troppo umido rischiano di "cadere a pezzi"!!!

 

pasta al sale home - pasta al sale: ricetta  - pasta di mais: ricetta - tecniche base - fiori - rose: istruzioni - fruttaluna - papiro - cesto: istruzioni - cesto - placca - vasi - varie

 

pasta al sale: home frecia_sx.gif (1097 byte)  -  freccia_back.gif (1090 byte) pasta di mais 

torna in alto - hobbies - pasta al sale home

home - @